Costi di spedizione | CLICCA QUI

X

Gelsi neri

Peso: 250 g.

Categorie: ,

Le More di Gelso racchiudono un tesoro in fatto di antiossidanti, aminoacidi, minerali e vitamine. Il problema è trovarle, perché il gelso non è più così diffuso come una volta, e raccoglierle prima che finiscano a terra e vadano perse. Per raccogliere sono utili le reti da giardinaggio, tipo quelle che si usano per la raccolta delle olive. Però bisogna tenerle sollevate da terra, dove le bacche si rovinerebbero subito. Ne esistono diverse varietà, dai diversi colori, bianche (Morus Alba), nere (Morus Nigra) e rosse (Morus Rubra). Hanno un posto di rilievo tra i cosiddetti ‘superfood’ (una definizione anglosassone che riguarda anche ribes, mirtillo e lampone) cioè gli alimenti con proprietà dietetiche e curative considerate importanti per la difesa della salute. L’apporto calorico è basso (36 kcalorie /100 grammi di frutto), alto il contenuto di ferro e sono presenti potassio, manganese e magnesio, oltre alle vitamine C, K e del complesso B. Hanno un elevato contenuto in polifenoli, flavonoidi, antocianine e resveratrolo, sostanze dall’attività antiossidante che le rende un insostituibile strumento di prevenzione per le malattie dell’invecchiamento cellulare, le malattie degenerative del sistema nervoso, il diabete, le infezioni batteriche, le infiammazioni e i tumori. I gelsi neri e quelli rossi hanno un migliore equilibrio tra dolce e acido, rispetto ai bianchi, e risultano più gradevoli. Sono ricche di fibre e zuccheri (fruttosio e glucosio) e per questo prolungano il senso di sazietà.

In Cucina: durano 4-5 giorni fuori frigo, 3 settimane in frigo e fino a 12 mesi se sono congelate. Sono perfette da sole o come complemento acidulo per le macedonie. Le more di gelso fresche sono ottime anche per preparare ricche marmellate da utilizzare in inverno! Se consumate secche,  invece, si possono aggiungerle al muesli per la colazione, nello yogurt, oppure come tocco speciale per biscotti e torte. Sono ideali anche come spuntino e per arricchire l’insalata: un tocco di originalità perfetto! Si usano per preparare una bevanda leggermente alcolica, molto simile al vino. Di ultima generazione, è il sorbetto di gelso nero, il gelato e altre varianti di dolci composte con questo piccolo frutto delizioso. I gelsi bianchi si prestano, invece, poco alla trasformazione.

Curiosità: le more di gelso sono frutti antichi: la pianta ormai non più molto diffusa come un tempo a causa della diminuzione del suo utilizzo per l’allevamento dei bachi da seta, è stata importata in Europa intorno al 1500. A scoprirla in Oriente, però, fu Marco Polo che fra le tante meraviglie, narrò anche di questa pianta nei suoi diari di viaggio. Altra citazione letteraria nel libro di Ovidio, “Le metamorfosi”: una leggenda spiega il perchè della differenza fra le more bianche e quelle nere: due giovani ragazzi babilonesi, Priamo e Tisbe, si amano contro il volere delle loro famiglie. Con il sangue delle loro morte prematura per amore colorarono le more bianche facendole diventare rosso intenso.

 

Origine: Lecce, Puglia, Italia

Categoria: I

Calibro: misto

Peso: 250 g

Mora di gelso
Categoria Frutta
Nome Scientifico Morus Alba, Nigra, Rubra
Periodo Giugno, Luglio, Agosto e Settembre

 

Ripartizione percentuale dell'energia

Composizione percentuale
Proteine  15%
Lipidi  0%
Carboidrati  85%
Alcol  0%

 

COMPOSIZIONE CHIMICA E VALORE ENERGETICO PER 100g DI PARTE EDIBILE

Composizione chimica valore per 100g
Parte edibile (%): 100
Acqua (g): 85
Proteine (g): 1.3
Lipidi(g): tracce
Colesterolo (mg): 0
Carboidrati disponibili (g): 8.1
Amido (g): 0
Zuccheri solubili (g): 8.1
Fibra totale (g): 3.2
Alcol (g): 0
Energia (kcal): 36
Energia (kJ): 149
Sodio (mg): 2
Potassio (mg): 260
Ferro (mg): 1.6
Calcio (mg): 36
Fosforo (mg): 48
Tiamina (mg): 0.03
Riboflavina (mg): 0.05
Niacina (mg): 0.07
Vitamina A retinolo eq. (µg): 2
Vitamina C (mg): 19